Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie
News
Tutte le news del CET

Il CET sta valutando, assieme ad un partner tecnico, il progetto innovativo delle U.V.A.M. (interrompibilità light), in modo da poter offrire ai propri Soci un servizio all’avanguardia che porterebbe alle aziende un interessante beneficio economico.

Cosa sono le U.V.A.M.

Le U.V.A.M. (unità virtuali abilitate miste) sono dei raggruppamenti formati da aziende con potenze importanti che si rendono disponibili a spegnere parte (o tutti) i propri macchinari e/o ad accendere i propri gruppi elettrogeni, in modo da aiutare il sistema elettrico nazionale nel caso in cui si potesse trovare in momenti di sovraccarico.
Un altro termine usato per identificare questo tipo di operatività è Demand Response (DR).

Modalità operativa

Per entrare a far parte dell’U.V.A.M., dopo una attenta analisi delle curve di consumo e dei macchinari presenti, l’azienda deve farsi installare delle apparecchiature di controllo (in modo totalmente gratuito) e infine procedere con un distaccamento programmato di test.
La procedura è analoga, con le ovvie peculiarità, anche per le apparecchiature atte a produrre energia elettrica in modo comandato (gruppi elettrogeni, sistemi di cogenerazione etc.).
Una volta operativi, le richieste di distacco avvengono da parte del nostro partner tecnico e dal momento della richiesta il socio ha 15 minuti per procedere con l’iter preposto.
Esistono delle soglie di tolleranza per l’operatività.
Attualmente si è visto che mediamente avvengono non più di due distacchi all’anno della durata di massimo un’ora.

Beneficio economico

Questo servizio è richiesto da parte di Terna in modo da poter avere sempre sotto controllo il sistema elettrico nazionale ed evitare sovraccarichi, che potrebbero portare blackout diffusi oltre che una serie di ulteriori problemi di natura tecnico-economica.
Per tale motivo, le aziende che aderiscono a questo progetto ricevono un congruo compenso economico composto da una parte fissa e una parte variabile legata a quante ore di distacco vengono effettivamente richieste.

Stato dell’arte

Attualmente il CET sta iniziando a fare primi studi sulle curve di consumo dei Soci che hanno dato il loro benestare, in modo da poter delineare quali sono le aziende con caratteristiche potenzialmente idonee al progetto, sia dal punto di vista tecnico, che economico.
L’obbiettivo è di avviare le prime sperimentazione verso settembre e di diventare pienamente operativi per Dicembre.
Dopo il mese di agosto potreste quindi essere contattati da parte nostra per poter approfondire la tematica o nel frattempo dichiararvi direttamente disponibili per un approfondimento e un'analisi preliminare.

Hai aggiornamenti riguardo le nostre ultime news?
24 Oct

Accedi al tuo account